il Comune aiuta solo gli italiani..

Rispondi
asfrancesca
Dormiente
Dormiente
Messaggi: 3
Iscritto il: gio, 20 ago 2009 - 7:15 pm

il Comune aiuta solo gli italiani..

Messaggio da asfrancesca »

Ciao a tutti, sono nuova del forum e mi presento. Sono Francesca, lavoro in Comune da 4 anni, da tre assunta tramite cooperativa sociale.
Vorrei avere un vostro parere in merito all'orientamento del mio assessore: oggi mi ha confessato di voler cambiare i regolamenti comunali sulle concessioni di sussidi e agevolazioni tariffarie introducendo la clausola che eventuali aiuti comunali siano erogati solo ed unicamente a cittadini italiani. E' legale tutto ciò?
Io mi sono dichiarata in completo disaccordo e gli ho citato il nostro codice deontologico. Lui sostiene che comunque non andrei contro il codice perchè in tal caso non sarei io a decidere a chi dare o meno l'aiuto, ma il regolamento al quale devo sottostare. In questa situazione sarei privata degli srumenti per poter aiutare residenti comunitari ed extracomunitari.
Sono molto perplessa!! Non mi era mai capitata una situazione simile!
Può un regolamento comunale rivolgersi solo ai residenti italiani?
I regolamenti vanno approvati dal Consiglio Comunale che potrebbe bocciare la proposta, ma vorrei sapere come affrontare la questione con il mio assessore, con il quale, nonostante questa "sparata", vado abbastanza d'accordo (devo ammettere che mi ha proprio stupito!).
grazie in anticipo
francesca
Avatar utente
ugo.albano
Malato per AssistentiSociali.org
Malato per AssistentiSociali.org
Messaggi: 1740
Iscritto il: ven, 04 mag 2007 - 10:22 am
Località: Forlì
Contatta:

Re: il Comune aiuta solo gli italiani..

Messaggio da ugo.albano »

Cara Francesca.

E' una questione di legalità: ogni singolo regolamento deve sottostare alla Legge nazionale. Oltre al fatto che per diritto internazionale l'Italia prevede per i cittadini dell'Unione pari trattamento sulle prestazioni sociali, anche gli extracomunitari hanno pari diritto, se in regola col permesso di soggiorno.

E' una "sparata" del tuo assessore, sicuramente il leghista di turno che pensa di poter fare tutto in Comune fregandosene delle Leggi. E' però pure una tua "sparata" ribadire il codice deontologico: che c'entra? Ha vincolo per noi, ma non è mica una Legge erga ommnes! State attenti, voi giovani, a non fare "figure"!

Come anche il fatto che lavori in Comune da quattro anni, ma tramite cooperativa: pura illegalità. Concorsi niente, eh? Infatti sei ricattabilissima: se ti poni di traverso in un attimo ti sostituiscono.

"Tenere colpo" con questi politici richiede pari forza, altrimenti si è perdenti.

Ahimè, che confusione sulle leggi e che back-ground di illegalità a tutti i livelli. Il tutto per "dire di no" allo straniero. CHE VERGOGNA!!!

Ugo Albano
Ugo Albano

=============================
CONTATTO DIRETTO:
http://digilander.libero.it/ugo.albano
asfrancesca
Dormiente
Dormiente
Messaggi: 3
Iscritto il: gio, 20 ago 2009 - 7:15 pm

Re: il Comune aiuta solo gli italiani..

Messaggio da asfrancesca »

hai perfettamente ragione su tutto!
Per quanto riguarda la cooperativa ho una spada di damocle che mi pende sulla testa da tre anni e taccio i retroscena delle ultime mie vicissitudini lavorative tra cambi di cooperative e altro. In tre anni mi è stato detto che il comune non poteva indire concorsi per problemi legati al patto di stabilità, per la mancanza di risorse comunali ecc, nel frattempo sono stati assunti due ragionieri, un amministrativo e un vigile.

Sul fatto che ogni regolamento deve sottostare alle leggi italiane è ovvio, ma mi vengono in mente degli esempi nei quali non c'è una parificazione tra cittadini italiani e stranieri con permesso di soggiorno. Ad esempio la Regione Lombardia quest'anno ha inserito nel bando Fondo Sostegno Affitto il requisito per gli extracomunitari i quali, a differenza degli italiani, devono dimostrare di essere in italia da almeno 5 anni o da almeno (mi sembra di ricordare) 2 anni in Regione Lombardia.
In questo caso c'è una discriminazione molto evidente e anche se non si vieta agli extracomunitari di beneficiare dell'aiuto regionale, si pongono dei limiti.

Come ha potuto Regione Lombardia? se ha pubblicato un bando con questi parametri, il mio comunello può fare altrettanto? oppure non afferro la differenza tra le due discriminazioni?

Comunque sia, anche se non verranno modificati i regolamenti, l'assessore mi ha fatto ben capire qual è il suo orientamento discriminatorio.. prevedo tempi duri!

Francesca
Avatar utente
Nazg
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 6191
Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Località: Pordenone
Contatta:

Re: il Comune aiuta solo gli italiani..

Messaggio da Nazg »

nella mia regione hanno tentato di bloccare l'erogazione agli immigrati individuando un limite temporale, cioè hanno messo come caratteristica la necessità di aver risieduto o lavorato in regola per 10 anni in Italia di cui almeno 5 in regione.
così per il momento hanno fatto una bella pulizia e più avanti si inventeranno qualcos'altro...
-----------------------------
http://www.assistentisociali.org
Canale Youtube di AssistentiSociali.org:
http://y.AssistentiSociali.org
Rispondi