Consigli tesi di laurea settore anziani

Rispondi
PIERA919
Baby Utente
Baby Utente
Messaggi: 16
Iscritto il: lun, 15 ott 2007 - 8:29 pm

Consigli tesi di laurea settore anziani

Messaggio da PIERA919 »

Ciao a tutti, sono una studentessa del 3^anno e sto pensando su cosa fare la tesi di laurea; come materia avrei pensato a Metodi 3. Mi piacerebbe scrivere una tesi sul ruolo dell'assistente sociale nei confronti degli utenti anziani e dei loro familiari, solo che non so che "taglio" dare alla tesi, cioè se focalizzare l'attenzione su un servizio in particolare (avendo svolto al secondo anno tirocinio nel settore anziani di un comune), oppure prenderla più larga...l'argomento penso sia abbastanza vasto e per evitare di "perdermi" e fare papiri di 500 pagine, vorrei chiedere a voi un consiglio su cosa "puntare"... Mi sarebbe piaciuto coinvolgere la docente di Psicologia Sociale, ma mi sa che per l'argomento, Metodi 3 sarebbe più adatto...voi che ne dite? Grazie mille! :)
Avatar utente
Nazg
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 6190
Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Località: Pordenone
Contatta:

Messaggio da Nazg »

io punterei su qualche tema specifico.
esempio: il ruolo dell'assistente sociale nel sostegno dei familiari che devono portare un grosso peso assistenziale.
-----------------------------
http://www.assistentisociali.org
Canale Youtube di AssistentiSociali.org:
https://www.youtube.com/channel/UCatyyd ... KA1ExJwTsw
Avatar utente
Limfjorden
Baby Utente
Baby Utente
Messaggi: 39
Iscritto il: mar, 18 mar 2008 - 10:57 pm

Messaggio da Limfjorden »

Ciao Piera. Io invece ti lancio un altro tema, poi decidi tu su cosa focalizzarti di più. Io parlerei anche dell'obbligo dei figli al mantenimento verso i genitori anziani (dettato anche dal c.c.) specialmente se restano soli e sono malati. Soprattutto rispetto a quanto sto vedendo negli ultimi tempi dove lavoro, la cura dell'anziano è sempre più lasciata nelle mani delle istituzioni o ad esterni (badanti). E' interessante sia analizzare i motivi socio-economici e storici che ci sono dietro (ad esempio l'opportunità/necessità del lavoro anche delle donne, una volte fulcro della cura familiare), ma anche le conseguenze del fenomeno. E poi (mi riferisco ora a tutti i colleghi, ditemi se sbaglio o esagero) ma io ho la sensazione che sia in diminuzione proprio la coscienza della cura verso i genitori anziani: si è tutti più egocentrici da focalizzarsi solo sui propri problemi da dimenticare che siamo tutti chiamati a quest'obbligo. Certo le forme di assistenza sono molte: se nessun figlio può occuparsi del genitore direttamente (anche solo economicamente) intervengono i Comuni. Ma io sto conoscendo sempre più utenti che neppure s'impegnano ad ipotizzare una soluzione all'assistenza dei familiari anziani!
Avatar utente
§Butterfly§
Dotto
Dotto
Messaggi: 544
Iscritto il: ven, 22 set 2006 - 11:58 am
Località: Roma

Messaggio da §Butterfly§ »

Un altro aspetto da non perdere di vista secondo me è anche il fatto che spesso i genitori anziani quasi autosufficienti, per orgoglio e per una fittizia comprensione nei confronti delle condizioni 'apparentemente' difficoltose dei figli, non hanno il coraggio di chiedere aiuto a loro, per non perdere il loro status di genitore, un elemento che rischia di dar vita ad un circolo vizioso di assistenzialismo!
@@@-- Non hai coraggio, se non hai paura!!! --@@@
Rispondi