Area Shopping su AssistentiSociali.org

AssistentiSociali.Org

Il portale italiano degli assistenti sociali
*

*

* *
  
Oggi è ven, 22 gen 2021 - 4:02 pm

Tutti gli orari sono UTC





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: ven, 02 lug 2010 - 8:56 am 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: ven, 18 dic 2009 - 8:43 pm
Messaggi: 21
altro quesito per tutti voi :mrgreen: !!!stavolta vi propongo un caso sperando che qualcuno di voi saprà dirmi quale procedura attivare visto che ho tanti dubbi.... :? sessantenne nullatenente, inabile a causa della amputazione ad una gamba, inevitabilmente disoccupato, ma non ancora i n età pensionabile; a casua di un malore per strada (dove viveva da barbone) è stato ricoverato prima in ospedale e successivamente tramite convenzione con il comune presso la struttura dove lavoro che gli garantisce vitto e alloggio. il problema è questo: il signore continua a chiedere l'elemosina per far fronte alle spese personali, visto che non ha alcun reddito e soprattutto NON HA ALCUNA RESIDENZA!!!! :shock: :shock: :shock: egli infatti immigrato circa vent'anni fa e lavorando in nero non ha mai fatto nulla per regolarizzare la sua situazione....adesso gli uffici anagrafe e immigrazione mi rimbalzano dall'uno all'altro...ma cosa devo fare per fargli ottenere residenza prima e poi pensione di invalidità, visto che, purtoppo la sua situazione fisica è progressivamente in peggioramento???a voi la risposta.... :mrgreen:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: ven, 02 lug 2010 - 12:04 pm 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 459
Ti chiedo, se non ha la residenza da nessuna parte che Comune lo ha inserito in struttura? Comunque la residenza di una persona ai sensi del regolamento anagrafico è uno stato di fatto, non si prende, e corrisponde a dove la persona ha la propria dimora abituale, ce l'ha in struttura? bene è lì che può prendere la residenza. La cosa che non mi è chiara è quesata, è cittadino italiano o è straniero dato che parli di ufficio immigrazione? Perché se fosse cittadino italiano e la struttura non accetta di considerarlo residente lì (anche se non può farlo) può sempre in ultima istanza chiedere l'iscrizione anagrafica nel comune di nascita. Domanda: ma in tutti questi anni non è mai stato residente da nessuna parte? Mai servita una prestazione sanitaria? Poi parli di inabilità per l'amputazione della gamba, ma è un'inabilità ad occhio tuo oppure è stato certificato inabile e quindi c'è già un'invalidità?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: ven, 02 lug 2010 - 2:09 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6188
Località: Pordenone
cinesin, per me questo caso è un "casino" :mrgreen: ... nel senso che non si capisce bene qual'è la situazione e cosa ci hai capito tu...

_________________
-----------------------------
http://www.assistentisociali.org
Canale Youtube di AssistentiSociali.org:
https://www.youtube.com/channel/UCatyyd ... KA1ExJwTsw


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: ven, 02 lug 2010 - 2:47 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: ven, 18 dic 2009 - 8:43 pm
Messaggi: 21
scusate avete ragione....ho dimenticato alcuni dettagli visto che situazione è un pò ingarbugliata... :mrgreen: allora l'utente è straniero, ma non ha alcun documento...parla poco e male l'italiano...qundi alcuni dettagli sul come quando e perchè non sono chiarissimi neanche a me!il comune che ha attivato la convenzione è il comune in cui è stato ritrovato svenuto per strada,è stato quindi ricoverato in ospedale e successivamente in struttura, tramite i servizi sociali.questi ultimi però pur avendogli procurato un alloggio non sanno nulla di lui nè ndi cosa eventualmente fare per fargli avere il susssidio economico. l'inabilità di cui parlo a parte un fatto immediatamente visibile (senza voler discriminare nessuno) emerge anche dall'unica relazione dei servizi sociali in merito a questo caso, in cui si fa richiesta di ricovero in struttura a causa "dell'inabilità, delle precarie condizioni igieniche sanitarie e sociali e familiari (nessun parente o legame affettivo!!!)spero di non aver dimenticato nient'altro... :?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: ven, 02 lug 2010 - 8:15 pm 
Non connesso
Novizio
Novizio

Iscritto il: lun, 25 giu 2007 - 6:40 pm
Messaggi: 141
Questo poco chiaro..
Comunque, deduco che in ogni caso (nonostante il coinvolgimento dell'Ufficio Immagrazioni..) non si tratta di una persona per la quale sia stata inoltrata "richieste di inserimento dei beneficiari nel Sistema di Protezione per i Richiedenti Asilo e per Rifugiati". Solitamente per gli immagrati irregolari in possesso di determinati requisiti.. (se non ricordo male tra i requisiti vi erano anche situazioni particolari relative allo stato di salute..) è quella la procedura.. per poi arrivare ad ottenere un alloggio temporaneo.. Però di solito il tutto parte se l'immagrato proviene dal Centro Accoglienza Richiedenti Asilo.. Ma in questo vedo che si parla di una parsona che è nel nostro territorio da diverso tempo.. Ora non so come agisca e con quali criteri l'Ufficio Immagrazione per quei soggetti che non provengono dai Cara.. forse la prassi è la stessa.. Boh..

Circa l'invalidità civile: l'art.2 della legge (n.118/71) "considera mutilai ed invalidi civili i cittadini....." quindi come primo criterio fa riferimento ai cittadini e non agli 'individui' o le 'persone' (termini che lasciano intendere che per usufruire di una prestazione o per ottenere il riconoscimento di un diritto non si deve essere necessariamente cittadini) e di conseguenza non si riferisce ai soggetti immigrati "irregolari" privi di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno..
Per i cittadini stranieri, consiglio la presa visione dell'art. 39 della l. n. 40/1998 che spiega in quali casi è possibile l'accesso alle prestazioni e alle provvidenze (e quindi lo straniero che può inoltrare la domanda per la richiesta di invalidità civile). Per la procedura relativa alla richiesta di invalidità basta leggersi la riforma in materia di invalidità civile (forse basterà darsi una lettura ad un paio di circolari presenti sul sito istituzionale dell'Inps..)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: sab, 03 lug 2010 - 5:58 pm 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 459
Al di là dei link di Kristal secondo me il primo passo è la regolarizzazione della posizione rispetto alla permanenza regolare in Italia, per questo solo la questura può indicarti la strada da seguire. Dopo di che si può regolarizzare la posizione anche rispetto alla residenza. Non ci sono invece possibilità al momento per ottenere la pensione di invalidità in quanto presumo che se glielo concedono avrà solo un permesso di soggiorno per motivi di cura e la pensione di invalidità può ottenersi solo con il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: sab, 03 lug 2010 - 5:59 pm 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 459
Mi sono scordata di chiederti da che paese proviene


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: lun, 05 lug 2010 - 8:56 am 
Non connesso
Novizio
Novizio

Iscritto il: lun, 25 giu 2007 - 6:40 pm
Messaggi: 141
Ciao Monica,
sono daccordo.. E' chiaro che se non regolarizza la sua posizione non può fare niente.. Può chiedere all'Ufficio Immigrazioni e contestualmente può servirsi di associazioni che si occupano di questo. Eventualmente se sul territorio non c'è niente..può servirsi di consulenze online di qualche "agenzia per lo straniero"..
La legge 40..che avevo accenato sopra fa riferimento (se non ricordo male..) ad un permesso di soggiorno non inferiore a un anno.. La stessa legge fa anche distinzione con i rifugiati politici..

Inoltre, per l'invalidità dubito fortemente che con la sola amputazione di gamba il soggetto possa arrivare a percepire l'assegno di invalidità.. Infine solitamente i medici legali fanno distinzione fra possibilità di protesi o meno.. Comunque dato che si tratta di un sessantenne è molto probabile che abbia altre patologie che andranno a sommarsi alla "minorazione principale". Infine, anche lo stesso arto potrebbe aver subito nel frattempo dei "postumi"..che vanno ad appesantire il quadro clinico..) Lo valuterà la Commissione durante la visita tenuto anche della documentazione (di enti pubblici) presentata.

Magari ora tutte queste info non le serviranno.. ma io ora ho il tempo di scrivere :mrgreen: .. al massimo se li riguarderà in un secondo momento.. :wink:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: un caso da risolvere...
MessaggioInviato: lun, 05 lug 2010 - 2:31 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: ven, 18 dic 2009 - 8:43 pm
Messaggi: 21
grazie a tutte...vedrò di attivarmi a riguardo e di documentarmi in merito alla legislazione citata....grazie ancora! :)


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO
Grafica a cura di NazgDesign.com - Ottimizzazioni by I.T.A. Solution

News News  SitemapIndex SitemapIndex  RSS Feed RSS Feed  Channel list Channel list