Area Shopping su AssistentiSociali.org

AssistentiSociali.Org

Il portale italiano degli assistenti sociali
*

*

* *
  
Oggi è gio, 18 lug 2019 - 11:51 am

Tutti gli orari sono UTC





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: settimana del CERVELLO
MessaggioInviato: mar, 06 mar 2007 - 1:41 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6029
Località: Pordenone
Settimana del CERVELLO

Pordenone 4 - 10 marzo 2007

Un'iniziativa di:

Regione Friuli Venezia Giulia
Comune di Pordenone
Fondazione Bambini e Autismo ONLUS

In collaborazione con:

Provincia di Pordenone
DANA European Dana Alliance for the Brain,
e
AIFA - ADHD Friuli Venezia Giulia
AITSaM Pordenone
ANFFAS Pordenone
ASL 6 Friuli Occidentale - Dipartimento di Salute Mentale di Pordenone
Associazione Alzheimer di Pordenone
Associazione Comitato Durante Dopo di Noi Friuli Venezia Giulia
Associazione Familiari e Amici della Fondazione Bambini e Autismo ONLUS
Associazione ICTUS Pordenone
ATAP SpA
Azienda Ospedaliera Servizio di Neurologia dell'Ospedale di Pordenone
Centro Servizi del Volontariato
Cinemazero
Consulta Regionale Associazioni dei Disabili del Friuli Venezia Giulia
Coro allievi Liceo Scientifico Grigoletti
Coro Polifonico città di Pordenone
Ippogrifo rivista Associazione Vincenzo Sarli - Pordenone
Liceo Leopardi -Majorana Pordenone
Ordine provinciale dei Medici - Chirurghi e degli Odontoiatri
Pro Pordenone
Università di Udine Corso di laurea in infermieristica

Con il sostegno di
Banca di Credito Cooperativo Pordenonese

______________________

Contatti: Ufficio stampa
T 0434 29187, F. 0434 524141
www.bambinieautismo.org/cervello

Settimana del CERVELLO
Pordenone 4 - 10 marzo 2007

pag. 2 di 8

PRESENTAZIONE

La questione è di quelle che risalgono lontano nel tempo e si può riassumere in questa domanda? E' giusto che il sapere rimanga nelle aule delle Università e delle Accademie o è più giusto che si espanda tra tutti coloro che di un argomento scientifico vogliono saperne di più pur non essendo dottori o luminari? Per rispondere mi aiuterò con un aneddoto.
Boccaccio, che era un estimatore di Dante e della sua Divina Commedia, si mise, per un certo periodo di sua vita, a declamare e spiegare al volgo riunito i canti dell'Inferno dopo la messa domenicale nella chiesa di Badia a Ripoli vicino Firenze. Chiesto un parere al suo famoso contemporaneo, Petrarca, se dovesse continuare nella sua divulgazione, questo lo dissuase dicendo che se Dante avesse voluto fare un'opera alla portata di tutti, sicuramente non l'avrebbe scritta in quel modo, quindi Dante per
primo non si rivolgeva a tutti, ma ad un pubblico colto e raffinato. Così Boccaccia desistette lasciando a metà le letture della Commedia dal pulpito della chiesa. Aveva ragione Petrarca o Boccaccio?
Secondo me, sicuramente Boccaccio e quindi, fuor di aneddoto, se devo dire perché oggi a Pordenone inizia questa avventura scientifica e perché è stata costruita in questo modo, dirò che lo sforzo è quello di divulgare la scienza ad alto livello per un pubblico indifferenziato.
Ci occuperemo di cervello, delle sue anomalie, da un punto di vista scientifico; godremo dell'opportunità dell'evento per ascoltare esperti di fama venuti anche dall'estero a (insisto) divulgare le loro conoscenze e a rispondere a domande. Questo regalo alla nostra città e a tutta la provincia di Pordenone è stato confezionato dal Prof. Vincenzo Miggiano, di professione scienziato, che con caparbia ha voluto e organizzato dal punto di vista scientifico l'evento.
Come si vedrà sfogliando il programma, la settimana del cervello consta di una sezione principale, serale, che vede in rapida successione, ogni sera, vari esperti parlare del cervello e delle sue anomalie più frequenti: depressione, autismo, parkinson, ictus, alzheimer, ecc. C'è poi una sezione pomeridiana che vede un affascinate percorso letterario sul cervello preparato dagli studenti del Liceo Leopardi-Majorana e aperto a tutti gli studenti delle scuole della provincia, ma anche ai curiosi non più
in età scolare, che vuole rappresentare in due incontri come cervello e anomalie del cervello siano state rappresentate nella letteratura e nella filosofia.
Ancora, di pomeriggio uno spettacolo teatrale dell'attore e regista Carlo Pontesilli "A .....come, non so", che è un contributo originale dell'arte e del teatro alla comprensione della demenza di Alzheimer.
Due mattine invece organizzate, con il cineclub Cinemazero, per vedere e discutere di rappresentazione della mente attraverso il cinema. .... E prima della prima, domenica 4 Marzo, anche un concerto vocale: un percorso dal titolo "Il cervello polifonico" per testimoniare il rapporto tra cervello e musica.
La settimana del cervello a Pordenone prima non c'era e adesso c'è.
Questo è il numero zero, poi si vedrà! Un obiettivo comunque questa iniziativa già lo ha raggiunto. Ha messo in rete varie Associazioni di volontariato, in una rete operativa e non solo immaginata o
invocata, dando loro la possibilità di farsi conoscere ad un pubblico variegato all'interno del quale qualche persona potrà avere bisogno di loro. Se nasceranno contatti e opportunità oltre alla divulgazione della scienza, avremo ottenuto anche una maggiore coesione in chi si dedica al
volontariato nel campo del "CERVELLO".

Davide Del Duca
Presidente Fondazione Bambini e Autismo ONLUS e coordinatore organizzativo dell'iniziativa

Settimana del CERVELLO

Pordenone 4 - 10 marzo 2007



PRIMA...DELLA PRIMA
IL CERVELLO POLIFONICO

In collaborazione con il Coro Polifonico Città di Pordenone
PRIMA DELLA PRIMA
SALA CONSILIARE DELLA PROVINCIA DI PORDENONE
Corso Garibaldi - Pordenone
4 MARZO 2007 ORE 16,30

Saluto del Presidente della Provincia di Pordenone Elio De Anna
CORO POLIFONICO "CITTA' DI PORDENONE"
Diretto dal Maestro Mario Scaramucci
Da forme musicali spontanee e strutturalmente semplici, al gioco complesso della polifonia classica e barocca, fino all'evoluzione della polifonia contemporanea. L'espressione giocosa della mente in due
esempi di raffinata cultura musicale. Per finire, due esempi di musica "minimalista", che riflettono bene le tendenze di tutta la cultura contemporanea.

PROGRAMMA
Gregoriano AVE MARIA
John de Fornsete SUMER IS ICUMEN
Anonimo del XIII secolo PUCELETE
Marcantonio Pordenon CANTA LO CUCCO
G.P da Palestrina KYRIE dalla Missa Papae Marcelli
J.S. Bach IHR ABER SEID NICHT FLEISCHICH
M. Lauriddsen SE PER HAVERVI, OIME'
G.G. Gastoldi A LIETA VITA
W.A. Mozart O DU ESELHAFTER MARTIN
S.Leek KONDALILLA
K. Nystedt IMMORTAL BACH
Nel corso del concerto farà il suo debutto, guidato dai m.i Dewis Antonel e Francesca Tavella, il Coro degli Allievi del Liceo Scientifico "Grigoletti", di cui il Coro Polifonico "Città di Pordenone" si è assunto il compito formativo.

PROGRAMMA
SCIENZA E CERVELLO
In collaborazione con le Associazioni di Volontariato
AUDITORIUM DELLA REGIONE, Via Roma, 2 Pordenone ore 21,00
LUNEDI' 5 MARZO
Saluto delle Autorità
Sindaco di Pordenone Sergio Bolzonello
Ass. Regionale Cultura Sport e Pace Roberto Antonaz
Presidente della Provincia di Pordenone Elio De Anna
Direttore della Struttura Operativa Complessa Neurologia Azienda ospedaliera S. Maria degli Angeli
Pordenone Giovanni Masè
IL CERVELLO AI TEMPI DEI GENOMI
Moderatore Chiara Sartori, biologa, Comune di Pordenone
Edoardo Boncinelli: Mente e cervello
Paolo Battaglini: Anatomia di ieri, di oggi
MARTEDI' 6 MARZO
ANATOMIA E NUOVA FARMACOLOGIA
Moderatore Alfonso Colombatti, Università di Udine e CRO di Aviano
Arturo Falaschi: Geni e genetica
Edilio Borroni: Farmaci e computer, farmacogenetica
MERCOLEDI' 7 MARZO
DEFICIT DI ATTENZIONE ED IPERATTIVITÀ, DEPRESSIONI
Moderatore Cinzia Raffin, Resp. Scientifica Fondazione Bambini e Autismo
Vincenzo Miggiano: Deficit di Attenzione ed Iperattività
Angelo Cassin: Le Depressioni
GIOVEDI' 8 MARZO
AUTISMO E PARKINSON
Moderatore Paolo Bergonzi, Università di Udine
Cinzia Raffin: Autismo
Marco Mucchiut: Parkinson
VENERDI' 9 MARZO
ICTUS CEREBRALE E ALZHEIMER
Moderatore Lucio Schittar, Psichiatra fondatore dell'Associazione ICTUS Pordenone
Maria Valente: Ictus cerebrale
Gabriela Stoppe: Alzheimer
CERVELLO E MEMORIA
SABATO 10 MARZO
Paolo Battaglini, Università di Trieste
La conferenza del Prof. Battaglini conclude il mini corso sulla memoria introduttivo alla Settimana del cervello. La traccia di questo percorso sulla memoria è data dal romanzo di Umberto Eco "La misteriosa fiamma della regina Loana": un excursus sugli eventi principali della nostra storia attraverso fumetti, film, romanzi, giornali, canzoni degli ultimi novanta anni. (Serata senza iscrizione).


I RELATORI
Edoardo Boncinelli. Direttore dei Laboratori di Biologia Molecolare dello
Sviluppo presso la Università San Raffaele di Milano, dopo essere stato per vari anni Direttore della SISSA di Trieste.
Arturo Falaschi. Attualmente presso la Scuola Normale di Pisa dove conduce un Corso di Biologia Molecolare. Fra i suoi impegni operativi più
salienti vi sono stati la Direzione dell'Istituto di Genetica del CNR di Pavia
e la Direzione degli ICGEB.
Paolo Battaglini. Professore ordinario di Fisiologia presso la Facoltà di
Medicina della Università di Trieste, Presidente del Corso di Studi in
Biotecnologie, Coordinatore del Dottorato di Ricerca in Neuroscienze.
Edilio Borroni. Attualmente al Dipartimento di Neurofarmacologia della casa Farmaceutica Hoffmann-La Roche di Basilea, precedentemente all'Istituto Farmacologico Mario Negri di Milano ed al Dipartimento di Neurologia del Max Plank Institute di Gottinga (Germania).
Vincenzo Miggiano. Professore Emerito della Università della Calabria.
Medico-genetista, dopo una lunga attività scientifica presso Università
Italiane (Roma, Torino, Cosenza) ed Istituti di Ricerca Stranieri (Stanford,
USA; Basilea, Svizzera), entrato in quiescenza, si occupa di Genetica dei
Disturbi Mentali.
Angelo Cassin. Dirige il Dipartimento di salute mentale della ASL di
Pordenone. E' Professore a contratto del corso di Psichiatria e Igiene
Mentale, Corso di Laurea per infermieri, Università di Udine. E' Professore a contratto per il corso di Psichiatria del Diploma in Servizi Sociali, facoltà di Scienze della Formazione dell'Università di Trieste.
Cinzia Raffin. Psicologa e psicoterapeuta, è Direttrice Scientifica della
Fondazione Bambini ed Autismo di Pordenone. E' Ricercatrice Associata
del Centro Terapia Familiare Sistemica e Ricerca di Milano. E' Docente
presso l'Università di Udine, Corso di laurea in Scienza dell'Educazione.
Marco Mucchiut. Attualmente Professore di Psichiatria presso la Facoltà di
Medicina e Chirurgia della Università di Udine. Lavora alla Scuola di Clinica
di Neurologia del locale Policlinico universitario.
Maria Valente. Attualmente Professore di Psichiatria presso la Facoltà di
Medicina e Chirurgia della Università di Udine. Lavora alla Scuola di Clinica
di Neurologia del locale Policlinico universitario.
Gabriela Stoppe. Attualmente Professore ordinario di Psichiatria presso la
Università di Basilea e Direttore della locale Clinica psichiatrica universitaria (PUK). La sua carriera si é svolta presso le Università di Berna (Svizzera), Hannover e Gottinga (Germania).


CERVELLO E PENSIERO
in collaborazione con Liceo Classico Socio Psico Pedagogico "Leopardi
Majorana" di Pordenone
AUDITORIUM DELLA REGIONE
Via Roma, 2 Pordenone ore 16,30

Nei due incontri si proporrà una riflessione sul desiderio antichissimo dell'uomo di penetrare i segreti del cervello, questo incredibile territorio in cui materia e pensiero trovano una osmosi di difficile soluzione.
L'approccio di entrambi gli incontri eviterà ogni percorso scientifico per concentrarsi su una prospettiva forse inusuale ma crediamo stimolante, ovvero la creazione letteraria che ruota attorno al cervello, al pensiero. E' un mondo in cui si incrociano fantasie pseudoscientifiche, riflessioni filosofiche, drammi e angosce umane, problemi sociali e momenti di alta poesia.
Il filo conduttore scelto è quello legato al "narrare sul cervello", quasi una sorta di metaoperazione in cui l'organo narrante diventa oggetto di narrazione fino a corti circuiti imprevedibili.

MARTEDI' 6 MARZO
Analisi del romanzo di Isaac Asimov, VIAGGIO ALLUCINANTE del 1966,
tratto dalla sceneggiatura del film omonimo del 1966 per la regia di Richard Fleischer e basato su un racconto di Otto Klement.
Analisi del testo di Asimov, DESTINAZIONE CERVELLO, rifacimento di
Viaggio Allucinante, un romanzo dalla trama lineare, che riprende solo in
parte la storia originale ribaltando i ruoli dei protagonisti.
Analisi del romanzo di Curt Siodmak, IL CERVELLO MOSTRO (Donovan's
brain) e altri testi in cui il centro del pensiero sia visto come frontiera di
future incredibili conquiste.

GIOVEDI' 8 MARZO
Itinerario prescientifico attraverso passi ricavati da testi diversi per genere e periodo.
Cartesio - Descrizione della ghiandola pineale
Mary Shelley - Frankenstein
Il versante clinico, ovviamente attraverso il filtro narrativo, sarà sondato
Ken Kesey - Qualcuno volò sul nido del cuculo, (e il film omonimo del 1975) Mario Tobino - Le libere donne di Magliano
Mark Haddon - Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte
Jonathan Franzen - Le correzioni
Isabel Allende - Paula
Pino Roveredo - Alcuni racconti
McGrath - Follia
Edmondo Lupieri - Il patto.
Sergio Terzi (Nerone) - Quel maledetto Alzheimer
Suggestioni poetiche nel campo della malattia mentale ci verranno da testi
come quelli di Alda Merini - poesie e Federico Tavan - poesie


CERVELLO E CINEMA
In collaborazione con il Cineclub Cinemazero di Pordenone
Pordenone, SALA GRANDE CINEMAZERO,
P.zza Maestri del Lavoro, ore 09,30
MERCOLEDI' 7 MARZO
Incontro con gli studenti per la visione del film A Beautiful Mind, regia di Ron Howard, interpretato da Russell Crowe (USA 2001). Durata 134'
"E' un uomo molto riservato ed è un genio. La prima volta che l'ho incontrato, non sono riuscito a non pensare per tutto il tempo che era l'uomo che aveva scoperto qualcosa che era sotto gli occhi di tutti
per centinaia di anni ma che solo lui è riuscito a vedere così chiaramente": chi parla è Russell Crowe. [...].
L'uomo di cui Crowe parla è John Nash, matematico premio Nobel, la cui vita è raccontata da A beautiful mind...John Nash, bisogna dirla tutta, ha avuto una vita davvero speciale. Non soltanto per le sue doti di matematico. Dopo aver messo a punto, appena laureato, dei nuovi modelli matematici destinati a trovare innovative applicazioni in molteplici campi (dall'economia alle teorie quantistiche), matura in meno di un decennio i segni sconvolgenti di una profonda schizofrenia destinata a cambiare radicalmente i connotati della sua vita. Il film di Ron Howard racconta questa inesorabile discesa nella follia con un intreccio da thriller che il regista ha pregato di non svelare a tutti i giornalisti del mondo..... (M. S.)
Al termine della proiezione, discute con gli studenti Cinzia Raffin, Responsabile Scientifica della Fondazione Bambini e Autismo ONLUS

GIOVEDI' 8 MARZO
Incontro con gli studenti per la visione del film Memento regia di Cristopher Nolan interpretato da Guy
Pearce (USA 2000). Durata 116'
La storia, in linea di massima, è quella di Leonard (Guy Pearce), che nel tentativo, purtroppo inutile, di salvare la moglie da due malviventi entrati in casa nel cuore della notte, rimane gravemente ferito alla testa.
Quest'incidente gli causerà una rarissima malattia al cervello, che in pratica non gli consentirà di assimilare nuovi ricordi. Sa chi è, qual è il suo nome, che lavoro faceva, ricorda la moglie (che muore!), ma dal momento dell'incidente in poi tutto ciò che vive è destinato a scomparire dalla sua mente nel giro di poche ore; così le persone che conosce, i discorsi che fa con loro svaniscono senza lasciare traccia......(F. P.)
Al termine della proiezione, discute con gli studenti il Prof. Sabatino Landi, Presidente di Cinemazero Pordenone


IL CERVELLO A TEATRO
In collaborazione con la ProPordenone
Pordenone, Aula Magna Centro Studi, P.zza Maestri del Lavoro, ore 16,00
VENERDI' 9 MARZO
Spettacolo teatrale "A.....come non so" di e con Carlo Pontesilli
Opera teatrale sulla demenza di Alzheimer
"Alzheimer? E' una malattia sociale inguaribile che non fa notizia. Perché? Riguarda i vecchi e non è contagiosa. Anche la causa è sconosciuta...".
Così recita una battuta di questo bel testo teatrale di Carlo Pontesilli che affronta una tematica molto attuale e comune: quello della malattia. Ma come si ribadisce in questa battuta, si tratta di una malattia di cui a pochi interessa veramente qualcosa perché coinvolge una parte della nostra società che normalmente viene dimenticata e spesso emarginata quella, cioè, degli anziani. E poi il colpo di scena: il protagonista, un affermato psicologo di solo cinquant'anni, nel pieno della sua vita e della sua carriera viene colpito dal morbo di Alzheimer. Morbo...che brutta parola questa! Fa subito venire in mente un terrificante male che ti consuma e ti logora fino alle ossa, un male che ti annienta l'identità, il cervello, la memoria, e che ti isola, giorno dopo giorno, in un mondo fatto di silenzio e sofferenza. E' questo l'Alzheimer ed è proprio questa realtà che troverete descritta in questo testo.
Il protagonista di quest'opera a differenza però di molti altri ammalati si trova per così dire in una condizione di privilegio: egli viene assistito e affiancato, in questo lungo e irreversibile cammino verso la sofferenza, dai suoi cari, dalla moglie e dai figli. Egli stesso prima di ammalarsi aveva assistito amorevolmente la madre, affetta dallo stesso male.
Molto spesso però nella realtà le persone ammalate vengono abbandonate dai propri cari perché per loro è difficile sostenere ad affrontare situazioni così pesanti. Oltretutto patologie di questo genere
richiedono un intervento specializzato ed altamente qualificato: ecco che entrano così in gioco le associazioni dei volontari che affiancano le famiglie nell'assistere i loro malati offrendo loro non solo la loro competenza, ma anche il loro appoggio morale. Pensate infatti cosa deve significare seguire giorno dopo giorno una persona che, ad un certo punto, si trova in uno stato "quasi larvale", pensate al dolore, allo strazio di chi assiste impotente ad una simile fine! Eppure ci sono persone meravigliose che hanno scelto di percorrere questa strada.
Non basta una botta sulla spalla in gesto di ammirazione, bisogna soprattutto cercare di voltarsi tutti interi, compreso il cervello, rispetto e partecipazione! (Dario Fo)

PER ULTERIORI INFO, FONDAZIONE BAMBINI E AUTISMO ONLUS
TEL. 0434 29187,
http://www.bambinieautismo.org/cervello

_________________
Ash Nazg
-----------------------------
www.assistentisociali.org


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO
Grafica a cura di NazgDesign.com - Ottimizzazioni by I.T.A. Solution

News News  SitemapIndex SitemapIndex  RSS Feed RSS Feed  Channel list Channel list