Area Shopping su AssistentiSociali.org

AssistentiSociali.Org

Il portale italiano degli assistenti sociali
*

*

* *
  
Oggi è lun, 28 set 2020 - 4:21 pm

Tutti gli orari sono UTC





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: csm ed assistenza sociale
MessaggioInviato: ven, 08 giu 2012 - 8:56 pm 
Non connesso
Dormiente
Dormiente

Iscritto il: ven, 08 giu 2012 - 8:20 pm
Messaggi: 1
Buongiorno a tutti,
spero dopo tante ricerche di di aver trovato il sito giusto nel quale poter chiedere un consiglio.

Mio fratello ha 40 anni e sta vivendo una situazione molto difficile e non so come poterlo aiutare.
E' circa un anno che ha perso il lavoro e vive una situazione molto precaria, non riesce a pagare ne l'affitto e ne bollette e quel poco che riesce a guadagnare con lavoretti sporadici gli basta appena per mangiare.
Purtroppo la sua vita solitaria da camionista lo ha portato ad perdere anche contatti sociali con amici e parenti e a questo si aggiunge anche la mancanza dei nostri genitori (siamo orfani da più di 10 anni).
In quest'ultimo periodo la tensione lo ha portato ad accumulare molto nervosismo tanto da portarlo a chiedere aiuto spontaneamente al pronto soccorso. Di seguito la questione è stata presa in carico dal CSM.
Ci siamo rivolti anche all'assistente sociale per chiede un supporto concreto perché se la terapia del CSM da un lato calma il nervosismo nell'immediato, dall'altro la sua situazione di vita precaria lo porta a vivere in tensione continua e quindi a ricadere facilmente.

Il problema di base per cui chiedo cortesemente un parere è il seguente:

Se un soggetto è tenuto sotto controllo del CSM presumo significa che sia un soggetto con determinate problematiche. Se si come può essere che un soggetto socialmente in grave disagio e con disturbi di questo tipo non venga aiutato concretamente al livello sociale ma si interviene solo quando ricade in atti di nervosismo con la sola ed esclusiva somministrazione temporanea di calmanti?

Il responsabile del CSM non si deve chiedere si ci sono elementi scatenanti? e se si non deve interfacciarsi con l'assistente sociale per trovare una soluzione concreta anche dal punto sociale oltre che farmacologica?

Per favore non so se sono stato chiaro o se questo è il posto giusto per avere un consiglio in merito, ma per favore se magari poteste anche indirizzarmi ve ne sarei veramente grato.

Grazie.

Cordialmente,
Carlo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: csm ed assistenza sociale
MessaggioInviato: mar, 12 giu 2012 - 7:18 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6184
Località: Pordenone
I servizi dovrebbero lavorare in rete per poter aiutare al meglio le persone che soffrono di malattie psichiatriche.
Questo lavoro insieme dovrebbe favorire anche un valutazione a 360 gradi dei proplemi/bisogni della persona, quindi clinici ma anche sociali, familiari, lavorativi, ambientali, ecc...

_________________
-----------------------------
http://www.assistentisociali.org
Canale Youtube di AssistentiSociali.org:
https://www.youtube.com/channel/UCatyyd ... KA1ExJwTsw


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO
Grafica a cura di NazgDesign.com - Ottimizzazioni by I.T.A. Solution

News News  SitemapIndex SitemapIndex  RSS Feed RSS Feed  Channel list Channel list