Area Shopping su AssistentiSociali.org

AssistentiSociali.Org

Il portale italiano degli assistenti sociali
*

*

* *
  
Oggi è lun, 11 nov 2019 - 10:17 pm

Tutti gli orari sono UTC





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Comunicato Stampa Cnoas criticità e proposte sulla riforma
MessaggioInviato: mar, 31 lug 2012 - 5:01 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6099
Località: Pordenone
L’Ordine degli Assistenti Sociali sulla Riforma degli Ordini Professionali: criticità e proposte

Comunicato stampa, 24 luglio 2012

Dopo il parere del Consiglio di Stato e gli incontri tra i rappresentanti del Cup- Comitato Unitario delle Professioni con il Ministro Paola Severino e la Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, in attesa della conclusione dei lavori delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato, il Consiglio nazionale dell’Ordine degli Assistenti sociali riporta la sua posizione sul regolamento di riordino degli ordini professionali.

Edda Samory, presidente nazionale dell’Ordine esprime le preoccupazioni già esposte al Ministro e negli altri incontri istituzionali, auspicando modifiche importanti al decreto.

"I punti controversi, per quanto ci riguarda, sono fondamentalmente cinque:
1. il coinvolgimento dell’Ordine e la necessità di avere un capitolo dedicato alla professione
2. la formazione continua
3. il tirocinio
4. l’albo dell’Ordine con un’unica sezione
5. le commissioni disciplinari.

Auspichiamo che venga attivata una collaborazione fattiva per la modifica dell’ordinamento delle professioni e che i contenuti espressi possano trovare uno spazio di ripensamento e una maggiore chiarezza e corrispondenza con le necessità espresse dall’Ordine".

http://www.cnoas.it/archivio.php?keytb=CST&id=540

CRITICITA’ E PROPOSTE
In primo luogo, riteniamo dannosa l'assenza di confronto nella stesura del
testo del DPR, confronto peraltro promesso negli incontri di avvio: una
fattiva collaborazione avrebbe consentito di prendere in considerazione le
specificità delle singole professioni.
Per quanto riguarda l’Ordine degli Assistenti Sociali, questo confronto
era doppiamente fondamentale, essendo la nostra l'unica professione
ordinata nell'area delle professioni non vigilate dalla Sanità, ma dalla
Giustizia che operano per la "Salute dei cittadini", quasi interamente nei
servizi pubblici dello Stato, e che per mantenere l'alto profilo di professione intellettuale, ha necessità di avere nell'articolato del DPR grande attenzione per un adeguamento alle altre professioni soprattutto nell'accesso, e per potere reggere con competenza all'integrazione fra sociale e sanitario.
L’Ordine degli Assistenti sociali si ritrova nelle criticità espresse dal Cup –
Comitato unico delle professioni, in quanto tese a salvaguardare gli
aspetti culturali ed etici che lo Stato Italiano ha sempre attribuito
all’esercizio delle professioni intellettuali, professioni al servizio dei cittadini per rispondere alle loro necessità in maniera sempre più congrua.
Trattasi di un processo culturale italiano fortemente etico valoriale
che va salvaguardato e sostenuto perché è un valore per la Comunità
Europea. Nel nostro caso, il modo italiano di proporre l’esercizio della
professione è ammirato e in un certo senso auspicato dai colleghi europei
ed extraeuropei.
La nostra è infatti una professione con un profilo internazionale, che ha
necessità di alta formazione specifica sia professionalizzante che teorico
scientifica per promuovere ricerca e attività di prevenzione dei disagi sociali.
A ciò va aggiunto l’aumento della complessità sociale e il dilagare di
gravi fenomeni sociali, la grave crisi economica, le calamità naturali,
l’immigrazione, per citarne alcuni.
In ragione di questa premessa, ed anche delle diverse raccomandazioni del Consiglio dei Ministri degli Esteri d’Europa che sono state in più occasioni espresse per il sostegno del Servizio Sociale e degli Assistenti Sociali (si richiama la REC del 2001), il Consiglio Nazionale dell’Ordine, i Consigli Regionali di concerto con gli organismi associativi professionali richiedono che lo schema di DPR in esame rechi un capo dedicato alla
professione dell’Assistente Sociale così come vi è un capo dedicato alla
professione di avvocato (II) ed un capo dedicato alla professione di notaio (III), considerato che appare opportuno prevedere ulteriori disposizioni concernenti la nostra professione come anche può essere quella di altre professioni regolamentate, giacché il varo di questa normativa rappresenta l’occasione per una modernizzazione ed una liberalizzazione delle professioni che si faccia carico di superare le criticità esistenti al fine di migliorare la qualità delle prestazioni professionali nell’interesse degli utenti dei servizi professionali.
Per la professione di Assistente Sociale in particolare, si avverte quindi
l’esigenza di garantire la formazione con un ciclo formativo unico per
l’accesso alla professione, disponendo l'obbligatorietà della
propedeuticità del corso di laurea triennale della classe L39 per l’accesso al successivo biennio di laurea magistrale della classe LM87, dal momento che l’accesso a quest’ultima con diplomi di laurea triennale afferenti ad altre classi diverse dalla L39 non garantisce la piena acquisizione delle competenze professionali necessarie e sufficienti per l’accesso all’esame di Stato di abilitazione professionale e quindi all’esercizio della professione.
Per quanto riguarda il tirocinio formativo, l’Ordine ritiene che almeno sei
mesi, ma anche più, avvengano nel percorso accademico e il restante
monte-tempo sia da farsi nelle sedi di lavoro come praticantato che oggi
non fa parte del percorso per accedere all’abilitazione, ma che l’Ordine
ritiene fondamentale attivare. Tutte le altre regole espresse nel decreto
sono limitative e creano condizioni di scarsa attuabilità.
Sulla formazione continua il decreto ha introdotto modalità organizzative
non condivisibili, come l’art. 7 comma 2 che prevede che il regolamento
debba essere fatto dal Ministro vigilante, in contrasto con l’articolo 3 comma 5 del DL 138/2011 che prevede invece che il regolamento venga fatto direttamente dal Consigli nazionale degli Ordini. Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali sta lavorando già da tempo alla definizione del regolamento della formazione continua attraverso un
lavoro concertato con gli Ordini regionali e monitorando l’esperienza che si sta già facendo nelle varie realtà regionali e nazionali.

E’ opportuno altresì istituire una sezione unica dell’albo, superando
l’attuale bipartizione fra le sezioni A e B, e provvedendo a disporre, in via
transitoria, l’inserimento nella sezione unica dell’albo degli assistenti sociali iscritti nelle due sezioni al momento dell’entrata in vigore del DPR.
Per quanto riguarda poi la questione degli organi disciplinari, si verranno
a creare situazioni paradossali. L’Ordine non può condividere nel modo
più assoluto il contenuto dell’articolato poiché non modifica la
situazione in senso migliorativo così come era auspicato (distinguere il
potere amministrativo dal potere disciplinare), ma lascia invariate le cose
peggiorandole. Nell'articolo 9 si dispone infatti che i consigli deontologici,
tenuti a decidere delle questioni di disciplina degli iscritti all'albo, non
saranno consigli nominati ad hoc ma si dovrà far riferimento ai Consigli della regione confinante. Per quanto ci riguarda, sarà quindi lo stesso organo, solo ubicato in un differente luogo geografico, a dover gestire il
procedimento disciplinare. Per il nazionale, invece sarà creato un Consiglio disciplinare Nazionale ad hoc, ma paradossalmente costituito da coloro che non sono stati eletti nel Consiglio nazionale. Chi è stato bocciato per un progetto politico-istituzionale si troverà invece a dover esercitare una funzione delicata come quella disciplinare.

http://www.cnoas.it/_allegati/%5B540%5D ... ionali.pdf

_________________
Ash Nazg
-----------------------------
www.assistentisociali.org


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Comunicato Stampa Cnoas criticità e proposte sulla rifor
MessaggioInviato: mar, 31 lug 2012 - 6:34 pm 
Non connesso
Dormiente
Dormiente

Iscritto il: gio, 11 ago 2011 - 12:04 pm
Messaggi: 6
Salve, da quando entrerà in vigora la riforma? Sono obbligati a conseguire la specialistica anche coloro che si sono appena laureati alla triennale (tipo me) e che quindi sosterranno l'esame di stato a novembre o varrà per i nuovi iscritti ossia solo quando le università avranno adeguato il percorso formativo al ciclo unico di servizio sociale? Questo non è affatto chiaro! Penso che la mia domanda è la stessa di chi è nella mia situazione e di chi è laureando considerando che al momento dell'iscrizione alla triennale era consapevole che il percorso di base finiva al termine dei tre anni non avendo l'obbligo della specialistica.
Se qualcuno ha notizie in merito le esponga.
Grazie


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO
Grafica a cura di NazgDesign.com - Ottimizzazioni by I.T.A. Solution

News News  SitemapIndex SitemapIndex  RSS Feed RSS Feed  Channel list Channel list