Area Shopping su AssistentiSociali.org

AssistentiSociali.Org

Il portale italiano degli assistenti sociali
*

*

* *
  
Oggi è sab, 23 gen 2021 - 7:14 am

Tutti gli orari sono UTC





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: anziani non proprio fuori di testa...ma quasi...
MessaggioInviato: ven, 28 dic 2007 - 10:49 am 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6188
Località: Pordenone
carissimi colleghi,
mi serve un consiglio da chi ha maggiore esperienza di me nel settore anziani.
partiamo dal caso di una persona che alla bella età di 70-80-90 anni vive sola e con i parenti non vicini o non molto attenti alle sue esigenze.
dopo una serie di interventi domiciliari e di segnalazioni di vicini di casa emerge che la persona a volte è lucida a volte non lo è per niente.
L'anziano/a rifiuta per esempio l'intervento domiciliare, oppure di andare in una struttura, oppure semplicemente non vuole neanche la colf o la badante per farsi aiutare.
nel caso in cui la persona cada e si faccia male (per esempio si rompe un femore) i servizi sociali del comune possono essere accusati di non aver fatto abbastanza? oppure il fatto che persona non sia interdetta o inabilitata comporta che comunque la persona è responsabile delle sue scelte anche nel caso in cui manchi in alcuni momenti la lucidità?

spero di aver posto il quesito in un modo comprensibile e ringrazio quanti mi risponderanno :D

_________________
-----------------------------
http://www.assistentisociali.org
Canale Youtube di AssistentiSociali.org:
https://www.youtube.com/channel/UCatyyd ... KA1ExJwTsw


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar, 08 gen 2008 - 10:15 am 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente
Avatar utente

Iscritto il: mer, 20 dic 2006 - 9:33 am
Messaggi: 32
Hai sentito il medico di base e verificato la disponibiulità di vedere il suo utente e fare una valutazione più chiara suggerendo magari l'intervbento di uno specialista? ma il medico di base dove sta?
secondo rendiconterei ogni intervento effettuato in forma scritta perchè quello resta agli atti in caso di "incidente"
interdizione e inabilitazione: la persona non ha ne una ne l'altra però ha dimostrato più volte gesti di non presenza mentale....
tra scegliere se fare una pratica o laltra io punterei ad una terza l'ammnistratore di sostegno.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar, 08 gen 2008 - 11:29 am 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 459
Allora, se la persona non è interdetta né inabilitata la sua firma ha valore, quindi a tutela vostra io per prima cosa le farei firmare la rinuncia o non accettazione dei servizi proposti e la farei protocollare. Secondo sentirei i parenti (ma sono civilmente obbligati o no?) per capire che intenzioni hanno e promuoverei l'azione per l'amministratore di sostegno che è più breve delle altre. Farei comnque un'unità di valutazione distrettuale per capire cosa si può fare con ttti i soggetti coinvolti e le attiverei comunque il servizio domiciliare cecando di farglielo mandare giù, poi se non apre la porta hai più documentazione per la richiesta di amministratore di sostegno. Ciao e buon lavoro Monica


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer, 09 gen 2008 - 10:56 am 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente
Avatar utente

Iscritto il: mer, 20 dic 2006 - 9:33 am
Messaggi: 32
:oops: :oops:
io contatterei anche il medico di base....


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer, 09 gen 2008 - 12:37 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6188
Località: Pordenone
il mio era un esempio...i casi sono vari e molto simili tra loro.
il medico di base è già a conoscenza della situazione...generica demenza senile... eheheh...
comunque la persona accetta alcuni servizi, altri no.
i parenti sono informati (chi più esasperato che meno).
l'u.v.d. può essere una strada, ma dubito che cambi le carte in tavola per queste situazioni a limite.
l'amm. di sost.: ci stiamo pensando :D

_________________
-----------------------------
http://www.assistentisociali.org
Canale Youtube di AssistentiSociali.org:
https://www.youtube.com/channel/UCatyyd ... KA1ExJwTsw


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio, 10 gen 2008 - 10:01 am 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 459
Se i parenti sono civilmente obbligati, per quanto esasperati devono intervenire altrimenti sono passibili di denuncia. Io ho avuto un caso in cui la signora viveva sola in casa di proprietà, non aveva civilmente obbligati ma solo due nipoti figli di un fratello, non voleva saperne di nulla né servizio domiciliare né casa di riposo né altro, solo che era completamente fuori di testa, usciva nuda in terrazza, lasciava aperto il gas, andava in posta convinta di andare dal medico e così via. Con un certosino lavoro di pazienza, (dopo averle eliminato il fornello a gas) le ho fatto accettare i pasti (non aveva più il gas e se voleva mangiare....) così con la domiciliare che le portava i pasti sono riuscita poi a farle accettare un servizio domiciliare "solo per farle un po' di compagnia" eh eh eh. Con la domiciliare siamo poi andate a visitare la casa di riposo e le ho mostrato tutte le cose belle, le camere con bagno, le macchinette del caffé, l'animazione.... Nel frattempo avevo promosso l'azione di interdizione grazie all'aiuto anche dei due nipoti che comunque le erano affezionati e alla fine ha firmato la richiesta di entrare in struttura e adesso è là coccolata e accudita come una pupetta. Durissima ma ce l'abbiamo fatta! Sai sta un po' anche a noi tirare fuori le nostre risorse personali di convincimento nei confronti di queste persone, se accetta un servizio e l'altro no lo spiraglio è già aperto. Monica


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven, 25 apr 2008 - 10:45 am 
Non connesso
Dormiente
Dormiente

Iscritto il: ven, 25 apr 2008 - 9:38 am
Messaggi: 2
L'assistente sociale non è civilmente nè penalmente responsabile se una persona sceglie di non farsi assistere e rifiuta ogni intervento proposto.
I responsabili dell'assistenza agli anziani sono i figli che devono occuparsi o direttamente o indirettamente dei propri genitori.
E' necessario però attestare che l'anziano -direttamente e non tramite parenti- è stato informato dei servizi assistenziali più adeguati per lui e che di fronte alla possibilità di accedervi ha rifiutato. Come si attesta? o facendo un colloquio con l'anziano e chiedendogli se ed in che modo decide di essere assistito, quindi relazionando, in qualità di incaricato di pubblico servizio, sulla situazione al Giudice Tutelare affinchè decida l'intervento più opportuno, oppure rilevando il dissenso al ricorso dei servizi assistenziali al capo servizio firmando una comunicazione firmata dall'assistente sociale referente del caso ed una collega presenti al colloquio con l'anziano in cui si attesta la mancata volontà dell'anziano di accettare i servizi assistenziali offerti dall'ente.
Ale


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO
Grafica a cura di NazgDesign.com - Ottimizzazioni by I.T.A. Solution

News News  SitemapIndex SitemapIndex  RSS Feed RSS Feed  Channel list Channel list