Area Shopping su AssistentiSociali.org

AssistentiSociali.Org

Il portale italiano degli assistenti sociali
*

*

* *
  
Oggi è lun, 16 dic 2019 - 1:34 pm

Tutti gli orari sono UTC





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: sab, 08 feb 2014 - 7:09 pm 
Non connesso
Apprendista
Apprendista

Iscritto il: gio, 16 ott 2008 - 10:31 pm
Messaggi: 67
Salve a tutti, vorrei approfondire la questione dell' accesso alle relazioni sociali inviate al Tribunale per i Minori, da parte dell' utente...In questo caso si tratta della segnalazione di una situazione di pregiudizio per un minore...i genitori mi hanno chiesto di leggere le relazioni inviate al T.M. Posto che è un dovere definito dal codice deontologico quello di garantire l'accesso alla documentazione che riguarda l' utente, è necessario che l' utente faccia una formale richiesta di accesso agli atti, o è sufficiente la richiesta verbale? Come vi comportate in casi come questi?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: sab, 08 feb 2014 - 8:32 pm 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6099
Località: Pordenone
1- gli utenti possono chiedere l'accesso agli atti direttamente al Tribunale per i Minorenni
2- l'accesso agli atti deve essere fatto in forma scritta e motivata
3- quando si ha in carico un caso, è bene condividere i contenuti della relazione con gli utenti, perchè la trasparenza è importante. Ovviamente diverso è quando si evidenzia un reato e ci sono delle indagini da fare da parte dell'autorità giudiziaria competente.

_________________
Ash Nazg
-----------------------------
www.assistentisociali.org


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: dom, 09 feb 2014 - 11:13 am 
Non connesso
Malato per AssistentiSociali.org
Malato per AssistentiSociali.org
Avatar utente

Iscritto il: ven, 04 mag 2007 - 10:22 am
Messaggi: 1731
Località: Forlì
Una precisazione:

l'accesso agli atti pubblici (e la cartella di servizio sociale lo è) è permesso dal 1990 (L.241/1990 e successive modifiche. L'accesso ai "dati personali è invece riservato all'interessato a chi vi abbia interesse fin dal 1996 (tutto confermato col codice di protezione dei dati, D. Lsgl. del2003).

Il procedimento minorile è un procedimento pubblico, il minore sono titolai all'eccesso. Pure i genitori, che hanno lo potestà. Deroghe possono venir imposte solo da regolamenti o da leggi speciali.

Il caso più frequente è quello di genitori che si sentono "manipolati" dai colleghi e chiedono accesso alle relazioni. Orbene, questo è un loro sacrosanto diritto.

Ne consegue che è un sacrosanto devere nostro giustificare dati, fatti ed interpretazioni. Al contrario, il rischio di falso ideologicpo o abuso d'ufficio o falso in atto publico è sempre dietro l'angolo.

Basta poco, come diceva Nazg: basta far leggere le relazioni agli utenti. Nei nostri procedimenti non c'è alcun segreto di stato o di pulcinella. Anche il "pregiudizio" va dimostrato, provato, giustificato. E ciò è professionalità.

Insomma, la fonte è il Diritto, non il codice deontologico, ....

Buona domenica!

_________________
Ugo Albano

=============================
CONTATTO DIRETTO:
http://digilander.libero.it/ugo.albano


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: lun, 10 feb 2014 - 5:45 pm 
Non connesso
Novizio
Novizio

Iscritto il: mar, 24 nov 2009 - 8:48 pm
Messaggi: 108
La richiesta di accesso all'atto amministrativo è possibile anche in forma verbale, qualora non vi siano dei dubbi circa la leggittimazione del richiedente, la sua identità, i suoi poteri rappresentativi, la sussistenza dell'interesse all'accesso, l'accessibilità del documento o l' esistenza di controinteressati.
Ogni ente deve essere dotato di regolamento che disciplina le modalità di accesso e soprattutto individua il responsabile del procedimento d'accesso che è il responsabile dell'Ufficio o un suo delegato (formalmente delegato).
Se tu non sei il reponsabile del servizio probabilmente non sei tu che devi decidere sull' accessibilità agli atti, ma il tuo responsabile che potrà decidere di accogliere l'istanza, negarla totalmente o parzialmente, differire l'accesso. Non esiste una risposta univoca per ogni atto amministrativo anche nella procedura minorile, ma vanno valutati di volta in volta vari elementi ( presenza di controinteressati, eventuali dati sensibili di terzi contenuti nella documentazione,la presenza di indagini giudiziarie in corso ecc.) anche se l' accesso dovrebbe essere sempre garantito salvo le eccezioni previste dalla legge e dal regolamento dell'ente.
Ciao


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: lun, 10 feb 2014 - 8:39 pm 
Non connesso
Apprendista
Apprendista

Iscritto il: gio, 16 ott 2008 - 10:31 pm
Messaggi: 67
ugo.albano ha scritto:

Basta poco, come diceva Nazg: basta far leggere le relazioni agli utenti. Nei nostri procedimenti non c'è alcun segreto di stato o di pulcinella. Anche il "pregiudizio" va dimostrato, provato, giustificato. E ciò è professionalità.

Insomma, la fonte è il Diritto, non il codice deontologico, ....



Caro Ugo, è sicuramente vero che la fonte è il diritto, ma la risposta non mi sembra così scontata dato che ho avuto due diverse riposte: una collega afferma che la richiesta deve essere fatta per iscritto e deve essere motivata, l' altra che può essere fatta anche verbalmente..quindi la questione non è così chiara..

E' poi sicuramente vero quello che tu affermi, che nei nostri procedimenti non c'è alcun segreto, però è anche vero che gestire certe situazioni da soli come professionisti non è facile, soprattutto quando si tratta di situazioni di minori in situazione di pregiudizio..


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: mar, 11 feb 2014 - 7:05 am 
Non connesso
Malato per AssistentiSociali.org
Malato per AssistentiSociali.org
Avatar utente

Iscritto il: ven, 04 mag 2007 - 10:22 am
Messaggi: 1731
Località: Forlì
Cara Didina,

dalla confusione delle pratiche si esce sempre col Diritto: "dura lex, sed lex", dicevano i latini. Ci può pure essere un regolamento che disciplina il diritto di accesso (modalità, tempi, ecc), ma NON ESISTE che qualcuno deve/può decidere sul diritto di accesso. Se il cittadino esplicita la volontà all'accesso e non ci sono ostatività di legge (dico "di legge"), l'accesso deve essere permesso.

Tutela: non siamo noi a decidere sul pregiudizio, è il Giudice. Se i fatti hanno rilevanza penale c'è un segreto istruttorio che va rispettato. Che non sia facile lo so: è per questo che è importante la collaborazione con la Polizia, a loro spetta l'indagine penale, a noi l'aspetto di osservazione, deduzione, formulazione di ipotesi da sottoporre al Giudice.

Io raccomando sempre TANTA ponderatezza. Prendere fischi per fiaschi significa creare danni nel rapporto tra genitori e figli. Quindi inviterei a governare l'onnipotenza e a riportare la potestà al Giudice.

Saluti.

_________________
Ugo Albano

=============================
CONTATTO DIRETTO:
http://digilander.libero.it/ugo.albano


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: mar, 11 feb 2014 - 4:09 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: mar, 15 gen 2013 - 4:28 am
Messaggi: 23
ma allora a cosa serve il nostro codice deontologico?

Betty


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: mer, 12 feb 2014 - 6:00 pm 
Non connesso
Novizio
Novizio

Iscritto il: mar, 24 nov 2009 - 8:48 pm
Messaggi: 108
Come dice Ugo Albano è la legge che definisce la nostra pratica (prima la legge poi i codici deontologici). Per quanto riguarda le modalità d'accesso - formale e informale - e i casi di esclusione dello stesso li trovi nel DPR n. 352/92 "Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio e dei casi di esclusione del diritto di accesso ai documenti amministrativi, in attuazione dell'art. 24, comma 2, della legge 7 agosto 1990, n. 241 (2), recante nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi" a cui mi sono riferita per risponderti. Ciao


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Accesso alle relazioni sociali nel procedimento minorile
MessaggioInviato: mar, 11 nov 2014 - 10:19 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: lun, 10 nov 2014 - 7:44 pm
Messaggi: 10
Una domanda.
Quando vi è una indagine in corso, ed il Tribunale, o meglio la Procura richiede di verificare uno specifico aspetto o elemento, capita che l'assistente sociale debba e possa raccogliere dati (es. luogo, date, altri elementi oggettivi) unicamente dai genitori del minore, che mediante il loro apporto descrittivo, delineano l'evento o l'aspetto oggetto di indagine.

Ora, qual è il senso del negare, ai genitori richiedenti, l'accesso alla relazione prodotta, anche limitatamente ai dati raccolti unicamente dagli stessi genitori?

Trattandosi di fatti a loro noti, anzi, unicamente dagli stessi pervenuti, non si disvelerebbe alcunché, piuttosto, si eviterebbe che quegli stessi dati possano essere riportati all'Autorità Giudiziaria in forma inesatta o non veritiera, magari a causa di comprensibile errata interpretazione o comprensione da parte dell'operatore, o per banale dimenticanza dovuta all'intervallo di tempo trascorso fra il momento della raccolta verbale dei dati e la loro trasposizione cartacea.

Tale diniego risulta per me immotivato e non giustificabile, tanto che non mi pare di aver ravvisato un divieto esplicito di informare i genitori, neppure nelle linee guida all'effettuazione dell'indagine psicosociale messe a disposizione da alcuni Tribunali/Procure, ma solo indicazioni mirate ad un riserbo prudenziale in caso di indagini in corso.

Ritengo che la relazione indirizzata alla Procura debba necessariamente riferire unicamente fatti, e non (rischiose) opinioni o interpretazioni aggiunte dall'operatore. La neutralità del giudicante è' un principio cardine del nostro sistema giudiziario, così come il contraddittorio.

Si capisce che ciò non possa avvenire in caso di indagini svolte in segretezza, ma per lo più ciò che viene contestato nelle relazioni psicosociali è la scorretta ricostruzione o trasmissione degli eventi o l'interpretazione degli stessi, magari addirittura orientata da mere opinioni dell'operatore.

Ringrazio anticipatamente.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO
Grafica a cura di NazgDesign.com - Ottimizzazioni by I.T.A. Solution

News News  SitemapIndex SitemapIndex  RSS Feed RSS Feed  Channel list Channel list