Area Shopping su AssistentiSociali.org

AssistentiSociali.Org

Il portale italiano degli assistenti sociali
*

*

* *
  
Oggi è mar, 02 mar 2021 - 3:53 am

Tutti gli orari sono UTC





Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: gio, 03 mar 2011 - 4:41 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
Salve a tutti. Ho una zia, sorella di mia madre, che è sola, non essendo mai stata sposata. Più di un anno dopo una visita neurologica è stata sottoposta a vari esami ed accertamenti presso il reparto di Neurologia di un importante ospedale nazionale. Le è stato diagnosticato un deficit cognitivo di medio grado su base organica (multiinfarti cerebrali) e a detta dei medici non può assolutamente vivere da sola. Purtroppo non accetta di trasferirsi in una struttura, proprio ieri ho dovuto rifiutare la chiamata da parte di una residenza dove avevo fatto domanda perchè lei si rifiuta categoricamente di spostarsi. Nonostante i suoi problemi è molto forte fisicamente, spesso aggressiva nei miei confronti e non è certo possibile costringerla.
Alcuni mesi orsono ha fatto la visita pe ril riconoscimento dell'invalidità ma non abbiamo ancora avuto comunicazione dell'esito e l'assistente sociale competente, da me contattata, mi ha risposto che senza il riconoscimento dell'invalidità lei non può assolutamente fare nulla.
Io sono molto preoccupata anche perchè tende a lasciare il gas aperto (e ovviamente rifiuta la sostituzione della cucina) e quindi temo il peggio. E' possibile che nessuno possa intervenire? Tutte le mie telefonate sono state respinte, palleggiate, non so più che cosa fare.
Tra l'altro io non abito nella stessa città e ultimamente ho avuto un importante intervento chirurgico per cui non posso assolutamente garantire assiduità nell'assisterla, devo anche lavorare e seguire la mia famiglia.
Ringrazio anticipatamente chi mi vorrà dare qualche consiglio.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: gio, 03 mar 2011 - 4:46 pm 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 460
Mah non capisco il discorso della collega sull'invalidità, cosa c'entra? Mistero. Quello che volevo capire è questo, sarebbe possibile prendere un'assistente privata? Magari introducendola pian pianino nelal vita di questa sig.ra per qualche ora al giorno? Per il gas suggerisco l'acquisto dell'apparecchietto che blocca la fuoriuscita di gas se il rubinetto viene lasciato aperto.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: gio, 03 mar 2011 - 5:05 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
MonicaB ha scritto:
Mah non capisco il discorso della collega sull'invalidità, cosa c'entra? Mistero. Quello che volevo capire è questo, sarebbe possibile prendere un'assistente privata? Magari introducendola pian pianino nelal vita di questa sig.ra per qualche ora al giorno? Per il gas suggerisco l'acquisto dell'apparecchietto che blocca la fuoriuscita di gas se il rubinetto viene lasciato aperto.


Grazie.
Abbiamo già provato con le badanti, anche se per motivi economici è impossibile optare per una persona fissa. Purtroppo mia zia ha un carattere infernale e le varie assistenti private non hanno resistito o meglio, lei le ha cacciate dopo un paio di giorni; come già detto io abito lontano e non posso sovrintendere come sarebbe opportuno e necessario.
Essendo in perfette forze fisiche e perfettamente deambulante mi impedisce ogni iniziativa, le avrei già sostituito da tempo la vecchia cucina a gas ma lei si oppone arrivando ad essere violenta e a farsi venire delle vere e proprie crisi ipertensive.
Come accade in questi casi non mi ascolta su nulla, sostiene che io voglia mandarla in residenza per anziani per "liberarmi e fare la mia strada" ma questa sarebbe la logica soluzione suggerita e caldeggiata dai medici.
Io mi ritrovo sola e a non poter far nulla, il neurologo mi ha detto di rivolgermi al giudice tutelare ma l'avvocato mi dice che prima di tutto dovrebbe intervenire l'assistente sociale, la quale però dice che potrà occuparsi del caso solo dopo che avremo il riconoscimento dell'invalidità perchè "la legge è cambiata" in questi ultimi anni.
Volevo capire proprio questo, come mai in presenza di un'anziana sola e senza parenti diretti ( o meglio, ci sarebbero la sorella e il fratello ma entrambi anziani) nessuno a livello di istituzioni si occupi del problema.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 7:34 am 
Non connesso
Apprendista
Apprendista

Iscritto il: lun, 22 feb 2010 - 3:50 pm
Messaggi: 45
Località: Rovigo
Gentile signora, buongiorno.
Mi suona strano che l'ass.sociale affermi di potersi muovere solo dopo l'accertamento dell'invalidità...
Io lavoro in comune e in questi casi "difficili" di persone anziane poco collaboranti nell'accettare varie forme di aiuto, trovo sia essenziale collaborare con le persone di riferimento della persona e coinvolgere il medico di base. Quindi non esiti a ricontattare la collega per un aiuto nella valutazione gestione dei bisogni e dei rischi dell'anziana zia.
Spesso funziona una visita domiciliare congiunta in cui (con la scusa di proporre telesoccorso, assegno di cura, etc) si riflette assieme all'anziana circa le opportunità e i rischi di accettere o meno supporto assistenziale (pubblico o privato). In caso non funzionasse, ci si potrebbe rivolgere al giudice tutelare per richiedere una misura di tutela (per esempio la nomina di amministratore disostegno) per evitare situazioni di pericolo per l' anziana e metterla in condizioni di essere adeguatamente assistita.
Gabriella


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 10:40 am 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
Gentile Sig.ra Gabriella, la ringrazio. Eppure ho contattato più volte l'assistente sociale competente, la prima volta 3 anni fa ed effettivamente aveva fissato un incontro, purtroppo il giorno fissato mia zia si è rifiutata di aprire la porta o meglio non si è fatta trovare in casa, dopo aver fatto sfuriate varie poichè sosteneva che la stavo "ammazzando" con questa storia.
Quando poi l'ho ricontattata in seguito mi ha detto che le cose erano cambiate nel frattempo e che l'intervento avrebbe potuto avvenire solo a invalidità riconosciuta.
Ora la ricontatto nuovamente per iscritto e vediamo che cosa mi risponde.
Purtroppo il medico di base è molto sbrigativo, sostiene che non può stare da sola e che ha un carattere impossibile... ma l'ultima volta che mi sono recata da lui proprio per avere un sostegno in questo senso mi ha liquidata velocemente con un "auguri signora...". Addirittura altre volte al telefono mi ha detto chiaramente che è stufo perchè mia zia lo chiama spessissimo e senza motivo, è vero, ma è anche vero che lui non le ha mai fatto una visita a domicilio, tanto che poi lei finisce sempre per chiamare la guardia medica o addirittura il 118.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 11:09 am 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
Desideravo aggiungere che avrei bisogno di sostegno perchè anche qualora accettasse una badante, essendo io lontana (tra l'altro a breve mi trasferirò a 70 km da lei) non ho modo di supervisionare...


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 11:30 am 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mar, 19 set 2006 - 7:49 pm
Messaggi: 6189
Località: Pordenone
A mio avviso è necessaria una presa in carico di più servizi per capire qual è la soluzione migliore (assistente sociale del comune, medico di base, ecc.), con la collaborazione dei familiari.

_________________
-----------------------------
http://www.assistentisociali.org
Canale Youtube di AssistentiSociali.org:
https://www.youtube.com/channel/UCatyyd ... KA1ExJwTsw


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 1:40 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
L'unica familiare che se ne interessa sono io. Mia madre (sorella) ha 87 anni, il fratello è anche lui ultraottantenne, il figlio di quest'ultimo potrebbe dare una mano a maggior ragione essendo single e libero da impegni familiari ma se ne disinteressa completamente.
Io faccio tutto il possibile a scapito del mio stesso lavoro e della mia famiglia, ma non ho trovato alcun sostegno nelle istituzioni finora. E sono anche preoccupata perchè mi accorgo per esempio che ha una vicina di casa che approfitta della situazione, prende incarichi di pagamenti bollette e incassa assegni, nonostante io le abbia già chiesto di non fare nulla del genere perchè me ne occupo io. Al momento sta spendendo mensilmente ben di più di quanto riceva di pensione, attingendo a un conto corrente dov'è stata depositata una somma derivante dalla vendita di una parte di un'immobile che aveva ricevuto in eredità. E' denaro che secondo me doveva servire per garantirle assistenza anche in attesa che le venisse riconosciuta un'indennità di accompagnamento.
Ma purtroppo lei, non rendendosi nemmeno bene conto del valore del denaro, fa spese immotivate di sua iniziativa, per es. si è appena rivolta a un dentista e ha fatto un lavoro che non era necessario spendendo una cifra ingente per il suo menage oppure chiama operai vari a fare riparazioni anche queste non necessarie. Ha certamente bisogno di un amministratore di sostegno ma anche qui mi è stato detto che senza invalidità non se ne può chiedere la nomina se lei non è d'accordo.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 3:29 pm 
Non connesso
Apprendista
Apprendista

Iscritto il: lun, 22 feb 2010 - 3:50 pm
Messaggi: 45
Località: Rovigo
Gentile signora,vista la complessità del caso, riconsiglierei di rivolgersi alla collega del comune perchè anche attraverso il medico di base valuti se è il caso di richiedere una valutazione multidimensionale (UVMD) per la presa in carico dell'anziana zia. E' un progetto che necessita di un lavoro a più mani. Oltre che dell'amm di sostegno.
saluti, Gabriella


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 4:44 pm 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 460
Per l'amministratore di sostegno non è necessaria l'invalidità, nè che la persona sia d'accordo, infatti se uno fosse tanto in gamba da capire di aver bisogno di un amministratore di sostegno secondo me non ne avrebbe bisogno! :D. A questo punto del racconto credo che sia assolutamente indispensabile la nomina di questa figura che se non altro amministri i beni della sig.ra. Io comunque chiederei all'assistente sociale i riferimenti di legge in base alla quale lei rifiuta di intervenire. Concordo con Gabriella e con Nazg, chieda all'assistente sociale e al medico di medicina generale la convocazione di un'unità di valutazione multidisciplinare e chieda di essere presente, è necessario che il caso sia preso in mano da tutti i servizi coinvolti, non solo dal famigliare


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: ven, 04 mar 2011 - 5:35 pm 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
Grazie infinite per le informazioni, lunedì ricontatterò l'assistente sociale in questi termini.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: mer, 07 set 2011 - 8:48 am 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
Buongiorno e benritrovati, purtroppo ho aggiornamenti non buoni.
A mia zia, che ormai è 86enne, è stata riconosciuta invalidità al 100% e indennità di accompagnamento, pensavo a questo punto sarebbero intrevenuti i servizi sociali, invece alla mia richiesta formale hanno risposto che al momento nessun assistente sociale verrà assegnato a questo caso e che in seguito si vedrà in base alle liste di attesa.
Praticamente questa donna, che ha già invaso di gas tutto il palazzo più di una volta (non acconsente interventi da parte mia per mettere in sicurezza l'impianto), che cade più volte anche a causa dell'assunzione indiscriminata di farmaci ipotensivi e antidepressivi, viene lasciata a se stessa eppure la diagnosi parla chiaro "encefalopatia multinfartuale e involuzione senile, deficit cognitivo di medio grado" ed io, che non sono nemmeno parente diretta, non ricevo alcun sostegno pratico e psicologico.
Sono allibita e schifata, scusate il termine forte.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: mer, 07 set 2011 - 4:24 pm 
Non connesso
Dotto
Dotto

Iscritto il: ven, 06 ott 2006 - 4:03 pm
Messaggi: 460
Buongiorno Indy, dispiace ricevere questi aggiornamenti sul caso della zia. Io se fossi in lei manderei una segnalazione scritta al Sindaco del Comune della zia e al Distretto Sanitario di competenza, vorrei proprio vedere che a fronte di una segnalazione scritta nessuno intervenga! Ah si certamente chiederei una risposta altrettanto scritta.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: 85enne senza coniuge nè figli
MessaggioInviato: gio, 08 set 2011 - 10:06 am 
Non connesso
Baby Utente
Baby Utente

Iscritto il: gio, 03 mar 2011 - 4:27 pm
Messaggi: 10
Grazie Monica della risposta. La responsabile del distretto con la quale avevo avuto il colloquio e alla quale avevo fatto la segnalazione mi aveva assicurato che avrebbero preso in carico il caso e mi avrebbero risposto per iscritto.
Poi, siccome sto seguendo mia zia da tempo, mi hanno telefonato da una casa di riposo dove avevo fatto domanda comunicandomi che si era liberato nuovamente un posto (mia zia aveva già rifiutato il ricovero tempo fa) e siccome mia zia, con grande fatica mia, si è convinta a provare ho accettato e quantomeno per correttezza ho telefonato al distretto sociale per informare che in attesa di un loro intervento avrei tamponato così, non potendo lasciare la zia sola a casa e abbandonata a se stessa (tra l'altro io sono in procinto di trasferirmi in un'altra provincia e la casa di riposo in questione è a 3 minuti dalla mia nuova residenza). Come mi sono presentata l'assistente sociale mi ha detto che era in procinto di chiamarmi per darmi la notizia negativa. Poi mi ha detto che se la porto fuori provincia loro non possono fare più nulla, ma mia zia è ancora residente qui, dove ha la sua casa di proprietà e lo sarà sicuramente per un bel po'. Io ho spiegato che si tratta quantomeno di una soluzione d'emergenza visto che i servizi sociali non mi danno aiuto, mi sono anche un po' alterata e ho detto che comunque mi sarei rivolta a un legale, la risposta è stata "faccia pure, tanto la risposta è che ci sono liste di attesa lunghe e prima vengono i casi di dimissioni ospedaliere e sfratti esecutivi".
Ora io non mi aspettavo l'immediato ricovero in una struttura comunale, a maggior ragione essendo mia zia contraria a spostarsi da casa, ma pensavo che di fronte a un'invalida al 100% 86enne almeno una visita dell'assitente sociale a casa per cominciare una valutazione avrebbe dovuto esserci.
Invece l'unico suggerimento che ho avuto è stato quello di richiedere la nomina dell'amministratore di sostegno, ma questo l'avevo già detto io nel colloquio (desidero un amministratore d'ufficio per sollevarmi dagli aspetti burocratici mentre senza dubbio continuerò ad occuparmi di quelli affettivi).

Ora devo sistemare l'emergenza, domani mia zia entrerà in casa di riposo e sono io sola a preparare tutto, per giunta abitando a 50 km di distanza da lei... e con rsa ad altri 70 km!
Poi senz'altro vedrò il da farsi nei confronti del distretto sociale e del comune, che è un grande comune del nord, capoluogo di regione...

Grazie ancora per i consigli, vi terrò aggiornate.

P.S. Al distretto sociale ho compilato i loro moduli e firmato, quindi siamo già in presenza di richiesta scritta ed ufficiale a tutti gli effetti...


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO
Grafica a cura di NazgDesign.com - Ottimizzazioni by I.T.A. Solution

News News  SitemapIndex SitemapIndex  RSS Feed RSS Feed  Channel list Channel list